Cosa vuoi per Natale? 4 giorni in Val Di Fassa – Dolomiti

Cosa vuoi per Natale?

Mah, non saprei, in fondo è inutile regalare qualcosa che poi non mi serve, che non uso, che poi rimane lì. Senti, perché evitiamo regali e non ce ne andiamo qualche giorno in montagna? Sulle Dolomiti?

Andata!

Così, dopo i festeggiamenti del Natale, eccoci in partenza per Soraga di Fassa, nell’omonima Val di Fassa, a circa 90 chilometri da Trento. Soraga è un paesino di 718 abitanti che parlano ladino, ma anche italiano e tedesco. La loro cadenza è un misto di bergamasco e austriaco e all’orecchio di chi, come me, non se ne intende.

Proprio a Soraga, siamo stati tanto fortunati da aver trovato, si può dire per caso, un Agritur bello e per nulla costoso. L’agritur Ciasa Dò Paré https://www.ciasadopare.com/ si compone di alcuni appartamenti rustici, ma tenuti benissimo. Al nostro appartamento di poco meno di 40 mq non mancava nulla: lettone, cucina, tavolo con panca di legno intagliata e decorata, un armadio capiente, un comodo divano, un bagnetto, TV, stufa in ceramica con panca di legno tutt’attorno e un enorme gattone arancione che ci aspettava fuori dalla porta ogni mattina ed ogni sera.

Oltre agli appartamenti Ciasa Dò Paré è pure un’osteria contadina (fate in modo però di prenotare tempo prima, perché purtroppo noi non abbiamo trovato posto!), una fattoria didattica e un’azienda agricola bio che vende formaggi e miele.

Ciasa Dò Paré Vigo di Fassa_Tulipando

--

Una volta aver capito che con l’agritur avevamo fatto centro, eccoci alla ricerca di momenti di gioia. Per fortuna la Val di Fassa e le valli circostanti offrono soluzioni di ogni genere.

La ciaspolata in val di fassa

Per chi ama la montagna, come noi, ma non è uno sciatore nato, come noi, non ci resta che agganciare un nel paio di ciaspole e seguire una guida che ci conduce su e giù per pendii. Spesso i sentieri e i percorsi escursionistici in inverno sono impraticabili perché pieni di neve o soprattutto ghiacciati perché poco esposti al sole. Per evitare spiacevoli inconvenienti e cadute rovinose, le guide alpine di https://www.fassasport.com/ ci accompagnano volentieri in sicurezza dove normalmente non passeggeremmo.

Noi siamo saliti sulla parte bassa del Sass Pordoi, nella neve fresca e sotto un piacevole sole dicembrino. A metà percorso, proprio al cospetto di una cascata completamente ghiacciata, le guide ci hanno offerto una calda tazza di tè per rendere la pausa ancora più piacevole.

Stai aggiornato sulle attività di Fassa Sport su: https://www.fassasport.com/programmi-inverno/

Ciaspolata Sass Pordoi Val di Fassa_Tulipando

 

Ciaspolata Passo Pordoi Val di Fassa_Tulipando

Il panorama dalla terrazza delle dolomiti

Per chi non può fare a meno di provare a scorgere le vette più lontane e godere di paesaggi sconfinati, una salita sulla cosiddetta Terrazza delle Dolomiti è d’obbligo. Si tratta dell’altopiano nevoso che si staglia sulla vetta del Sass Pordoi. Vi si sale con una funivia che in una manciata di secondi porta da circa 2.200 m a 2.950 m di altezza. Il panorama che si apre di fronte, lascia ogni spettatore con le lacrime agli occhi da tanta bellezza.

Complice dovrebbe essere sempre il bel tempo, altrimenti i 18 euro spesi per salire e scendere risulterebbero vani. Noi siamo stati fortunatissimi!

Vedi qui tutti i prezzi e gli orari degli impianti di risalita a fune della Val di Fassa: https://www.fassa.com/IT/Orari-e-prezzi-Impianti-di-risalita/

Terrazza delle Dolomiti Val di Fassa_Tulipando

 

Tulipando sulla Terrazza delle Dolomiti Val di Fassa

 

SCIARE IN VAL DI FASSA PER I PRINCIPIANTI

Non eravamo preparati sulle differenze tra comprensori, prezzi e livelli di difficoltà delle piste, ma al Passo San Pellegrino abbiamo trovato un buon compromesso tra prezzi (nonostante fossimo in altissima stagione) e livello di pendenza. Ebbene sì, abbiamo sciato. Io mi sono divertita e ho riprovato l’ebbrezza dello scricchiolio della pista semi ghiacciata sotto le lame dopo quasi 3 anni, e Luca ha messo i tanto agognati sci ai piedi per la prima volta in 33 anni di vita!

Comprensorio consigliato a chi ancora deve imparare, comodo per chi alloggia nei dintorni di Moena.

https://www.dolomitisuperski.com/en/Experience/Ski-areas/Alpe-Lusia-San-Pellegrino

Passo San Pellegrino Sci Val di Fassa_Tulipando

I paesini IN VAL DI FASSA E VAL GARDENA

Infine per gli amanti delle lenti passeggiate per i paesini rustici di montagna, per coloro che metterebbero il naso in ogni negozietto di artigianato montano e per coloro a cui scorre l’acquolina in bocca non appena vede dello speck appeso o delle fette di formaggio di malga dietro la porta di vetro… ecco qualche paesino tutto da scoprire in zona.

Val di Fassa

o   Moena – la cosiddetta Fata delle Dolomiti, perché all’alba e al tramonto le cime delle Dolomiti che la circondano si tingono di rosa. Nonostante ciò il famoso formaggio “Puzzone di Moena”, viene proprio da lì! Ma che bontà!

o   Vigo di Fassa – piccolo paesino nel bel mezzo della Valle. Punto strategico per raggiungere facilmente sterminati prati in altura, passeggiate per famiglie, siti termali, laghi cristallini e funivie per raggiungere panorami mozzafiato in alta quota.

 

Val Gardena

o   Ortisei – ricco paese nel bel mezzo della Valle con alberghi rustici, ma anche lussuosi e di design. Qui la tradizione di mischia alla modernità e ciò che ne risulta è un paese vivace e a tratti glamour.

o   Selva di Val Gardena – il paesino più alto della Val Gardena ai piedi del Monte Sella, ovvero il paradiso dei turisti più attivi. Hotel e guesthouse, ristorantini e scuole di sci si susseguono sempre nel rispetto della meravigliosa natura circostante.

o   Laion – accogliente e genuina per i suoi mercati artigianali ed eventi musicali della tradizione

Ortisei Val Gardena_Tulipando

Ortisei Mercatini Val Gardena_Tulipando

Trackback from your site.

Leave a Reply

Registered with Copyright Safeguard
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: