Home Made Delft

A grande richiesta torniamo a Delft (Olanda)… E torniamo a raccontare un viaggio nel viaggio: questa volta si entra nel cuore dell’artigianato locale, tra quelli “che fanno andare le mani”.

Ma andiamo con ordine… qualche post fa ti avevo già raccontato qualcosa di Delft, dove si trova, i suoi canali, l’università, la biofattoria ecc, ma non mi stancherò mai di dire quanto sia magico per me pedalare tra le sue viuzze sconnesse e vedere finalmente la torre della Nieuwe Kerk che fa capolino tra i tetti aguzzi della piazza. La Nieuwe Kerk, che letteralmente sta per Chiesa Nuova, è particolarmente famosa perché non solo ha il secondo campanile più alto d’Olanda, ma soprattutto perché nella sua cripta riposa tutta (ma proprio tutta!) la famiglia reale olandese. Delft è stata infatti la culla del reame e la città di residenza del primo re d’Olanda, Willem van Oranje-Nassau. Ma oltre alla Nieuwe Kerk, particolare è anche.. indovina un po’? La Oude Kerk, o Chiesa Vecchia: tanto particolare da ricordare in qualche modo l’Italia. Come mai? È storta come la Torre di Pisa! Tanto storta che sembra colare a picco nel canale da un momento all’altro, ma è proprio questo che la rende così ombrosamente speciale.

A questo punto però ti passo la palla… non svelerò tutte le bellezze della città, le lascio scoprire e raccontare a te, sennò non c’è gusto!

Ed ecco quindi il viaggio nel viaggio: una calda mattinata d’agosto, io e Lui stavamo per l’appunto pedalando nei dintorni della città quando, sulla strada di casa, abbiamo notato che la piazza centrale pullulava di gente, banchetti, cassette di legno, cibo da strada: Home Made Market. Potevo non fermarmi?

Home Made Market è un evento itinerante dedicato alla vendita di oggetti di uso quotidiano. La condizione però, è che sia tutto fatto a mano, vintage, riciclato, di seconda mano e via dicendo. Una festa all’insegna dello street food e del riciclaggio di stile!

Le bancarelle erano innumerevoli, divise tra cibo, musica, vestiti, articoli per la casa, ma gli angoli che ho amato di più erano una vecchia giostra per bambini in stile anni 50 e la libreria: un percorso ondulato di scaffali ricavati da cassette di legno stracolmi di libri di seconda mano. E c’era di tutto! Dal racconto di paura, alla letteratura straniera, dal racconto fantasy al trattato di psicologia: mi ci sono persa per una mezz’oretta! Ma non è stato difficile riprendermi, visto che dopo poco mi è stato messo sotto il naso uno Stroopwafel, due cialde di pasta sottile unite da caramello fuso ancora caldo… sfido chiunque a non averli mai provati in Olanda e a dire che non sono squisiti!

E poi è arrivato il pezzo forte, il vero ed unico acquisto della giornata: uno zainetto composto da ritagli di pelle riciclata di vari colori: simpatico da vedere e comodissimo da usare! It made my day! Al pomeriggio poi, ne ho sfruttato subito la funzionalità, perché con lo zainetto in spalla… 13 km di passeggiata tra la spiaggia e le dune di Kijkduin! Ma quella… è un’altra storia! 😉

L’evento itinerante di Home Made Market lo puoi trovare anche in diversi quartieri dell’Aia (Den Haag) in date variabili. Se hai quindi voglia di andarci, ti aiuto volentieri a trovare la data e il luogo che più si incastra con il tuo viaggio in Olanda!

 

Foto: Luca Giacomini

Trackback from your site.

Leave a Reply

Registered with Copyright Safeguard
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: